FATTORIE MUSICALI
search music
fattorie musicali

Fattorie Musicali e' la webzine musicale dedicata principalmente alla musica emergente ed indipendente.



randomTRACK

Nina

Baroque

invia per email Share on Tumblr
video
www.baroqueonline.it

First videoclip from Baroque forthcoming album.

with Elena Radonicich ("Tutto parla di te" di A. Marazzi, "Adriano Olivetti: la storia di un sogno" con Luca Zingaretti)
Director: Michael Chiaretta http://www.michaelchiaretta.com/
Cameras: Michael Chiaretta, Ivan Nikodimovich - Lights: Fede Crub
Editing: Michael Chiaretta, Mat le Mad

Guests: Fabrizio "Cit" Chiapello, Gigi Giancursi, Luigi "Giotto" Napolitano, Simone Zoja, Alessia Bertolami, Andrea Torchio, Manuela Panarotto.

Thanks to: Maison Musique, Massimo Leg Trombi, Francesca Tambussi, Michela Bernardini, Mattia Negro.

Nina is a rock love song and a dancing videoclip by the alternative rockband named Baroque from Turin, Torino, Italy. They mix genres from alternative music to folk, glam rock with balkan taste.
It's about a dancing love in that never happened, in Serbia.
Il gruppo nasce nel 2003 a Torino, e dopo quasi quattro anni di intensa attività concertistica che lo ha portato a calcare palchi prestigiosi quali l'Hiroshima Mon Amour di Torino, il Babylonia di Ponderano, il Motor Show di Bologna, il Chicobum Festival di Borgaro, il Backstage e l'Heaven di Monaco di Baviera, tra il 2006 e il 2007 realizza il disco d'esordio “La Fiaba della Buona Notte” (Musea Records), una fairytale onirica tra le allegorie dell'umanità, disco che gli vale passaggi radiofonici in tutta Italia (RadioRai 1, Radio Life Gate, Virgin Radio), Londra (Life FM), Giappone (Radio J Wave) e una distribuzione internazionale con la storica etichetta progressive francese Musea Records. La fama del gruppo aumenta concerto dopo concerto, permettendogli di esibirsi spesso al fianco di artisti del calibro di Nick Cave, Primal Scream, Africa Unite, Blonde Redhead, Ministri, MartaSuiTubi, Meganoidi, Moltheni.
Nell' Aprile 2010, durante le registrazioni del nuovo album previsto per l'anno successivo, editano l'EP “R.I.P. Rock in Peace” (Hertz Brigade Records) con cui decidono di seppellire il vecchio “Rock” vestendolo delle stesse tonalità scure e sontuose con cui l'hanno sempre interpretato.
Arriviamo così al gennaio 2011, mese in cui il gruppo pubblica l'atteso secondo album intitolato “ROCQ” (Hertz Brigade Records).
Rocq è bianco e luminoso, Rocq è seventies e glam, è cantautoriale ed incazzato e vuole essere l'unica etichetta che il gruppo sente di potersi cucire addosso.
L'album, distribuito a livello nazionale da Audioglobe, riscuote subito un grande successo mediatico, bruciando 500 copie in sole 2 settimane.
Il primo singolo estratto, "La Festa dell'alloro" guadagna passaggi sulle principali emittenti nazionali (Radio Deejay, Radio Kiss Kiss, Virgin Radio) ed il video supera le 5000 visualizzazioni sul canale Youtube in meno di un mese.
Agli inizi di marzo 2011 il gruppo è ospite a Tropical Pizza (Radio Deejay) ed è tra i protagonisti della nuova trasmissione R.U.F.U.S..(Deejay Television)
Nel maggio 2011 viene estratto il secondo singolo: "Karatechismo", il cui video, prodotto dalla viral company DueMonete, vede la partecipazione di ben 80 comparse.
Tra luglio ed ottobre 2011, i due fratelli Ghigo, nel gruppo dalla sua nascita, abbandonano per motivi personali il progetto.
Entrano così a far parte della band Alessandro Galletto alla batteria e Simone Rubinato al basso.
A dicembre 2011 inizia la pre-produzione del nuovo album che uscirà nel 2012. La pre produzione è curata da Gigi Giancursi (Perturbazione) e Fabrizio Cit Chiapello (Transeuropa Studio)

'I nostri possiedono tecnica, talento e immaginario da vendere. Un disco complesso ma anche molto fruibile'
BLOW UP

'Sontuose orchestrazioni da musical, acrobazie cantautorali e roboanti glam-sinfonie in chiave hard-rock, tra i Queen più teatrali e i Balletto di Bronzo più spigolosi'
RUMORE

'Una commistione sorprendente di hard rock, derivazioni dal glam dei '70, un certo gusto per il pop da cabaret nonchè per il prog e il beat nostrani.
I Baroque si dimostrano una realtà dall'insolita personalità, un progetto che senz'altro va tenuto d'occhio'
SENTIREASCOLTARE

'La genialità sta nel comporre versi come “Mio nonno non ha mai combattuto una guerra, non è stato proprio un eroe però, da bravo, si è sempre fatto i fatti suoi, eh si, va bene si sarà anche sporcato le mani d'accordo, ma chi no” e nel calarli in un elegante opera in chiave rock concertistico.
LA STAMPA

'Chi guarda con affetto al mondo prima che arrivasse il punk, chi pensa che nella storia della musica italiana l'età dell'oro abbia coinciso con l'era del beat e del prog, probabilmente annovererà il gruppo torinese fra i più dotati astri nascenti del nostro panorama rock”
ROCKIT

'bastano appena un paio di orecchie discretamente funzionanti per accorgersi che i Baroque NON sono tante cose: non sono emulazione, non sono pressapochismo, non sono banalità!

Al contrario per tutto il lavoro emergono fantasia, coscienza dei propri mezzi, maestria nella "mescola" delle influenze più disparate, un'attenzione spasmodica alle parole cantate... e forse proprio i testi sono una delle carte vincenti del quartetto: visionari, ironici, taglienti, quasi sempre ineccepibili dal punto di vista metrico e fonetico... davvero una rarità nel panorama rock indipendente italiano...”
GRIGIOTORINO


IL TUO SPAZIO PUBBLICITARIO SU




categorie

news musicali
random track
video interviste
segnala una news
fattoriemusicali.it
webzine musicale FATTORIE MUSICALI news musicali : musica emergente uscite indie eventi live recensioni
(c) media promotion srl - web agency